Come NON crearsi un pubblico #2: non sono ancora famoso

Leggi parte 1: Come NON crearsi un pubblico #1: la mia arte non esiste

Version in English here.


Il mio secondo problema è che non sono ancora famoso. Ok, mi rendo conto che questo sia come dire che il problema della macchina che non parte è che la macchina non parte. Ma va? Quello dovrebbe essere l’obiettivo. Far partire la macchina. Diventare famoso (più o meno). Quello che sto cercando di dire è che le persone che hanno già un pubblico riescono magicamente a creare altro pubblico proprio per il fatto che sono già conosciuti. La gente si interessa agli affari loro perché sa già chi sono. Possono scrivere il nome del loro nuovo gatto e la gente ci presta attenzione; possono ripostare la stessa cosa mille volte e la gente continua a prestarci attenzione (anche perché magari quel post era effettivamente interessante o divertente). A nessuno frega nulla del primo artistoide che passa, o quasi nessuno come dimostrano i miei fedeli 14 followers su Facebook. La gente non mi conosce, e di quel che passa per il cervello di un perfetto sconosciuto giustamente non sa che farsene. Non che ce l’abbia con qualcuno: è perfettamente comprensibile; nemmeno io mi interesso agli artistoidi sperduti nei meandri del web. Se dovessi andare a guardare tutte le pagine di tutti quelli che stanno cercando di promuovere la propria arte diventerei scemo.

pennywise
O magari ci possiamo semplicemente presentare, così non saremo più estranei. “Io sono Stardust l’aspirante artista – e tu sei la Persona Che È Molto Interessata a Me! Così adesso ci conosciamo!” (da “It”, 1990)

Il fatto è che quegli artisti, quelli che scrivono il nome del gatto e ricevono un migliaio di like, hanno già sfondato prima. Sono diventati famosi magari con metodi più tradizionali. Hanno pubblicato i loro libri attraverso un editore. Hanno firmato un contratto con una casa discografica. Hanno esposto le loro opere in qualche galleria. Qualunque cosa. Il pubblico ha apprezzato il loro lavoro ed ha iniziato a seguirli, conseguentemente prestando ancora più attenzione all’arte che è arrivata in seguito. Poi il pubblico si affeziona all’artista in questione, si interessa alla sua vita, a quello che pensa, ed ecco che il gatto si prende un botto di like.

catstronzetto

Io invece sto facendo esattamente il contrario, perché mi sembra comunque un’opzione migliore che stare ad aspettare nella posizione del loto che qualche editore si interessi a me. Non che non stia cercando di mettermi in contatto con editori, è che non fare niente nel frattempo mi sembra stupido. E quindi ecco il mio brodo primordiale di roba connessa solo dal mio personale interesse, nella speranza di intrigare abbastanza qualcuno da convincerlo a dare un occhio alla mia arte.

sunset-691848_1920
Pensi che otterrò qualche editore in questo modo?

A questo punto sarebbe logico cercare aiuto dai propri amici, cercare di diventare “famoso” fra loro prima di tutto. Giusto? No.


parte 3 in formazione…

Advertisements

2 thoughts on “Come NON crearsi un pubblico #2: non sono ancora famoso

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s