Ho tradotto il mio libro

finally_it

Attenzione: questo è un poema. Se non ve ne potrebbe fregar di meno dei miei pensieri sul mio libro, e volete solo sapere di cosa si tratta, semplicemente saltate tutto e leggete gli ultimi tre paragrafi.

Il post si riferisce alla traduzione in inglese del mio libro. Qui il primo post dedicato alla pubblicazione della versione originale del libro in italiano.

English version here.


E finalmente.

Sono contento di avere finito. Non se ne poteva più. Io, quantomeno, sicuramente non ne potevo più. Soddisfatto? Non più di tanto. Più che altro sono contento di essere giunto alla fine di questo calvario. Vi assicuro, non c’è niente di meglio che leggere il proprio libro sei volte in totale per arrivare ad odiarlo con ogni fibra del proprio essere.
So che dovrei convincervi ad andare a comprarlo e leggerlo. Dovrei almeno provarci. Sarebbe sicuramente nel mio interesse. Ma… beh, ho solo deciso di essere onesto al riguardo, anche perché non credo che potrei suonare convincente se provassi a fare diversamente.

Odio questo libro. Lo odio lo odio lo odio. Potrei parlare per ore di tutte le cose che non vanno. Lo so, non sono la persona giusta per esprimervi un giudizio. Sono lo scrittore, potrei sopravvalutarlo così come potrei essere ipercritico; non posso essere in grado di essere oggettivo. Sapete chi potrebbe essere oggettivo al riguardo, o comunque sicuramente più oggettivo di me? Voi. Quindi andate a comprarlo e leggetelo! Così poi potete darmi la vostra opinione.
Non sta funzionando, vero?
Sì, come pensavo. Dunque cosa stavo dicendo? Ah, che lo odio. Sì lo odio. Vedo tutti i suoi difetti graziosamente esposti di fronte a me, ma è fuori discussione che io torni indietro adesso per correggerli, a meno che non vogliate che io butti tutto fuori dalla finestra, me incluso. Farò meglio nei prossimi libri. Mi sono di certo divertito molto scrivendolo, ad ogni modo, che credo sia ciò che importa, anche se non toglie nulla al mio odio puro e luminoso. Avete presente le fasi del processo creativo?

cj4pnu9wuaawmju

Di recente ho oscillato fra “questa è merda” e “io sono merda”. Con una propensione per “io sono merda”. Oh beh.

Per farlo sembrare più attraente ho anche realizzato una nuova copertina, quella che vedete là sopra. Quella precedente era orrenda, siamo onesti, non avrei potuto farla più kitsch nemmeno volendo. Quindi, nuova copertina. I lettori dicono sempre che non bisognerebbe giudicare un libro dalla sua copertina, ma in realtà, chi non lo fa? Chi non ha mai comprato un libro solo perché aveva davvero un bell’aspetto? Nessuno, ecco chi. E al riguardo, vi racconterò un piccolo aneddoto.

finally_it
Penso di essere più soddisfatto per la copertina che per tutto il resto

Quando ero un adolescente alieno, c’era questo libro che era molto popolare fra gli adolescenti umani, si chiamava Tre metri sopra il cielo. Non ne ero particolarmente attratto, sembrava piuttosto stupido e in più non era davvero il mio genere (romanzo rosa adolescenziale). Quindi lo snobbavo e basta. Poi un giorno lo vidi su uno scaffale. Aveva l’aspetto di una caramella. Sembrava così incredibilmente gustoso, e ne dava anche la sensazione. La copertina aveva una foto carina sopra, ed era in toni azzurri, grigi e bianchi, accostati molto bene. Le lettere sul fronte e sul retro della copertina erano leggermente in rilievo, così che potevo sentirle sotto le dita. Le pagine erano spesse, fresche e leggermente ruvide, e il profumo! Oh mio dio il profumo di quelle pagine, ancora me lo ricordo. Profumavano… non riesco a descrivere esattamente come profumassero. Ma era (e rimane) uno dei migliori profumi di pagine che io avessi mai incontrato. L’aspetto, il profumo, la sensazione al tatto, tutto sembrava meraviglioso in quel libro-caramella. Che posso dire, ho un feticismo per i libri.
Perché diavolo finisco sempre a parlare di sesso?
Quindi, questo libro. Finii per prenderlo. Era una merda. Tanto quanto il libro fisico era uno dei migliori che avessi mai visto, il contenuto era uno dei più merdosi mucchi di merda che avessi mai letto. Credo che impiegai una cosa come quasi due mesi per finirlo, e stiamo parlando di un libro di media lunghezza, non come il mio che è di 223 pagine Word. Cazzo, almeno l’avessi tenuto corto. È il mio primo lavoro, e ho sempre saputo che probabilmente non sarebbe risultato un capolavoro, quindi avrebbe sicuramente avuto senso non scrivere un poema. Ma no, figuriamoci, non riesco a tenere corto nulla quando sto scrivendo, le parole semplicemente scorrono fuori da me e fanno di testa loro.
In conclusione, Tre metri sopra il cielo era disgustoso, scritto male, spesso grammaticalmente scorretto, noioso e sciocco. Ma appariva bello. Le apparenze contano, e questo è perché ho cambiato la copertina.

Inoltre, Tre metri sopra il cielo è uno dei libri a cui mi piace pensare quando mi sento particolarmente disperato riguardo al mio lavoro. Un altro favorito è Cinquanta Sfumature di Grigio, che non ho ancora finito. Intendo dire, non ho ancora finito il primo libro della trilogia. Sento quasi un’obbligazione di quantomeno sapere di che cazzo si tratta, visto che sono un pervertito e che quella trilogia sembra essere considerata da molte persone un’autentica rappresentazione di cosa è il BDSM (notizia dell’ultima ora: non lo è). Ma è dura andare avanti. Perlomeno ha spirito, devo ammetterlo, Tre metri sopra il cielo non aveva nemmeno quello. Nonostante ciò, lo trovo piuttosto tremendo. Il mio libro è sicuramente migliore. Non che ci voglia molto ad essere onesti, ma è confortante. Sì lo so, è meschino elevare il proprio lavoro per comparazione con uno peggiore. Beh non sono perfetto, d’accordo?

50shadesofgreycoverart
Se questo libro ha potuto diventare famoso, anche il mio può

Dunque. Cosa sto cercando di ottenere con questo post che dovrei usare per promuovere il mio libro ma in cui sto parlando del mio libro molto poco? Credo di stare cercando di attirare un po’ di attenzione. Per favore datemi un po’ di attenzione. So che il mio libro è mediocre ad essere gentili, ma ci ho davvero messo l’anima e lavoro ed energia, quindi mi piacerebbe davvero che fosse letto da una una manciata di persone. Che cosa devo fare? Devo addobbarmi con piume, campanelli d’argento e brillantini e fare la danza della pioggia? Posso farlo. Oppure posso ballare il can-can, se preferite. Sono molto resistente al ridicolo. Sono a prova di ridicolo.

mediocre
Lo so, lo so

Ah. Vabbè. L’ho anche modificato all’ultimo, perché il libro conteneva riferimenti ad alcune canzoni, naturalmente citando l’autore, ma questo avrebbe lo stesso potuto risultare in un’accusa di violazione del copyright. Se usassi i testi senza chiedere il permesso, rischierei di venire querelato in seguito. Se ne chiedessi il permesso, mi chiederebbero sicuramente di pagare una somma, che probabilmente non sarei in grado di permettermi al momento o che sarebbe estremamente stupido pagare considerato che non sono nemmeno sicuro che questo libro venderà una copia tanto per cominciare.
Di conseguenza, ho deciso di tenere solo quei riferimenti ad alcune canzoni che credo non dovrebbero essere un problema, o perché non sono coperte da copyright o perché ho usato una quantità estremamente ridotta di testo (da ciò che ho letto, se si usano 10 parole o meno dovrebbe andar bene). Incidentalmente, ritengo che questo genere di restrizioni sia ridicolo e di fatto intralci la creatività – l’arte ha sempre preso ispirazione da altra arte, anche e non solo riferendosi esplicitamente ad essa come avrei fatto nel mio libro – quindi ho intenzione di lottarvi contro quando sarò ricco e potente cioè mai.

Il libro in questione, L’armadio, di cui non ho praticamente parlato fino adesso, è principalmente un libro horror/psicologico. Ruota attorno a una famiglia, la “famiglia perfetta”, celebrazione di ciò che è normale e “giusto”, che viene improvvisamente scossa alle sue basi dall’inspiegabile presenza di alcune creature. Creature che sembrano provenire più probabilmente dall’immaginazione dei membri della famiglia che dalla realtà vera e propria.

Faccio schifo a scrivere sommari tanto quanto faccio schifo a tessere le lodi del mio libro.

Oh, l’ho anche tradotto da solo. Non sono un madrelingua inglese. Non ho mai studiato inglese formalmente a parte che alle superiori; l’ho solo studiato da me più tardi. Non vivo in una nazione che parla inglese. Quindi mi scuso per il più che imperfetto inglese che troverete nel mio libro. Mi scuso per tutte le volte che non ho usato il congiuntivo quando avrei dovuto. Mi scuso per tutte le volte che ho scritto “parent’s” invece che “parents’” e non me ne sono accorto. Mi scuso per le espressioni usate impropriamente. Mi scuso per le espressioni inventate. Mi scuso per tutte le espressioni che non conosco. Sfortunatamente, non avevo scelta. Spero solo che non suoni troppo goffo.

deathofenglish-e1378906043502
Mi dispiace tanto.

Un’ultima cosa. Ho deciso di stabilire un prezzo molto basso, sia per promuoverlo sia perché non ho il cuore di farlo pagare molto più di così. Credo che terrò il prezzo così basso per circa un paio di mesi, e poi lo aumenterò, ma in ogni caso non molto. Sono $ 9.5 per la versione cartacea e $1.89 per la versione in eBook, che suppongo sarà la favorita, in quanto non credo che nessuno vorrà comprare la versione cartacea. È un po’ meno del prezzo medio di un espresso a Londra (ho controllato), meno di uno a New York, e meno del prezzo medio di uno attraverso la Scandinavia. Generalmente, credo che sia meno del prezzo medio di un espresso ovunque fuori dall’Italia. Quell’eccezionale tipo di caffè che la gente non italiana proprio non riesce a fare bene. Seriamente gente, come fate a berlo? Quindi, per un giorno, invece che bere un caffè incredibilmente merdoso potreste comprare un libro piuttosto merdoso e iniziare a leggerlo. Solo per un giorno. Che ne dite?

eBook: http://www.lulu.com/shop/stardust-a-lost-alien/the-closet/ebook/product-23075260.html

Versione cartacea: http://www.lulu.com/shop/stardust-a-lost-alien/the-closet/paperback/product-23075271.html

P.S. Doveste notare refusi, spazi bianchi, descrizioni mancanti, qualunque genere di errore, sentitevi liberi di contattarmi. Mi state facendo un favore.

Advertisements

3 thoughts on “Ho tradotto il mio libro

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s