Una conversazione sull’islam e sul ruolo della cultura nella formazione di sessismo e omofobia

Originally published on the 28.08.2016. Original English version here.

Avrei dovuto pubblicare questo molto tempo fa, più o meno come tutto quello che pubblico. Ma sono finito a fare altre cose. Quindi eccolo qui finalmente.
È una conversazione che ho avuto il 14 giugno 2016 con una persona che segue la mia pagina Facebook, in seguito alla sparatoria di massa di Orlando il 12 giugno 2016: https://en.wikipedia.org/wiki/2016_Orlando_nightclub_shooting. La conversazione è nata da un mio post di Facebook sull’argomento, e potete vederla qui col post originale: https://www.facebook.com/Stardustalostalien/posts/1177226869037231.

In effetti, credo che dovrei ringraziare gli umani che hanno questi dibattiti scritti con me, perché mi risparmiano la fatica di scrivere delle mie opinioni e di attualità facendo finta di avere una conversazione col muro. È un compito estremamente noioso, e temo produca testi estremamente noiosi. Quindi li ringrazio, sia che io sia d’accordo con loro, o che io non sia d’accordo con loro ma li consideri comunque davvero buone persone, o non sia d’accordo con loro e non penso che siano granché buoni ma ok, o che voglia solo sfasciare le loro teste aperte come un’anguria.

giphy

Quindi andiamo.

Facebook post
Non sono d’accordo sul dire che l’islamofobia non esista, esiste, ma per tutto il resto questo è triste ma vero. È pura cecità pretendere che nello splendido e glorioso Occidente non ci siano assolutamente problemi. E pretendere che l’islam, così come è interpretato e praticato oggi da – oserei dire (e invito con tutto il cuore chiunque a provare il contrario perché vorrei davvero cambiare la mia idea su ciò) – la maggior parte dei musulmani, non è una minaccia ai diritti umani fondamentali è esattamente lo stesso tipo di cecità.
https://www.allthink.com/1337197

M.P.
Mi sorprende vedere questo da te. Mi dispiace per lo sfogo, ma sento di dover dire molto al riguardo. Spero che lo considererai e per favore leggi anche il link. Ti sbagli sull’islam e la sua ideologia. Ed è sbagliato dare la colpa di questa tragedia interamente all’islam, anche se quello che ha sparato era un musulmano. L’islamofobia è specificatamente usata per far sì che la gente ignori le maggiori influenze che conducono al terrorismo domestico e all’odio bigotto, allo stesso tempo fornendo un facile bersaglio straniero e promuovendolo come la fonte di tutti i mali.

Questo è stato un crimine d’odio e probabilmente del tutto non relativo alla religione, secondo lo stesso padre dello sparatore.

“Secondo NBC News, il padre dell’uomo armato, Mir Seddique, ha parlato riguardo le potenziali motivazioni del figlio per il crimine. Mentre non sappiamo esattamente quali fossero i motivi dell’aggressore, il padre ha detto, “Questo non ha niente a che fare con la religione,” ma che, secondo NBC News, suo figlio si era arrabbiato molto quando aveva visto due uomini baciarsi in città a Miami un paio di mesi fa. Mentre ci sono sicuramente indicazione che potrebbe esserlo stato, basandosi sulle dichiarazioni del padre, niente è definitivo.”

Islamofobia è elogiare Muhammad Ali come un grande ed onorabile uomo, e allo stesso tempo denigrare l’ideologia della quale era così appassionato, e coloro che la condividono.

Islamofobia è quando la gente assume che qualcuno di discendenza afghana sia un terrorista musulmano semplicemente per razzismo, xenofobia e la sua eredità razziale. È quando metà del paese lo assume e alza la sua voce dicendo, “vedi! Sono tutti cattivi e malvagi.” Tuttavia quando uomini bianchi cristiani assassinano persone LGBT, o persone a una clinica di Planned Parenthood, o donne che semplicemente sembrano non gradirli. La parola terrorista non è quasi mai usata, ed è sempre un incidente isolato o una “malattia mentale” a cui dare la colpa, mai che siano religione, ideologia o mascolinità tossica ad essere un problema. Nonostante il fatto che è più probabile che la maggior parte delle persone con malattie mentali siano vittime di tali crimini. Eppure ogni volta che è qualcuno di provenienza araba o medio-orientale, viene quasi immediatamente assunto che si tratti di terrorismo islamico. Non tutte le persone arabe sono musulmane, e molti musulmani sono bianchi.

Quando la gente, spesso cristiani di destra che spargono costantemente odio contro le persone LGBT, chiamano in causa l’islam come se tutti i musulmani, o anche la maggior parte di loro fossero terroristi, è insultante. Spargono odio e bile sulle persone LGBT tutto il tempo. Poi ci usano come una scusa per fomentare il loro razzismo e xenofobia. Questo ha interamente a che fare col fanatismo religioso. Il fanatismo cristiano è più responsabile per le morti di persone LGBT negli USA che i musulmani. Eppure questi cristiani urlano per i loro “diritti religiosi” per discorsi di incitamento all’odio e discriminazione.

La più grande differenza correntemente fra estremisti cristiani e islamici, è che i cristiani non stanno venendo incitati all’azione da costanti attacchi di droni e bombardamenti da un altro paese, con a grosso modo il 90% di morti di innocenti. Non sono anche in completo controllo degli USA, tuttavia sicuramente non ricevono conseguenze per declamare e incitare odio, fanatismo e aggressione. Il governo statunitense difende addirittura il KKK al di sopra del movimento Black Lives Matter, e guarda indietro anche alle Pantere Nere come terroristi.

Sono assolutamente per denunciare il fanatismo religioso, ma nessuno sano di mente direbbe che tutti, o anche la maggior parte dei cristiani vogliono uccidere i gay e i transessuali. Eppure Ted Cruz stava correndo come presidente e nessuno fregava un cazzo che avesse detto che avrebbe aggredito donne trans che andavano al bagno abbastanza per farci qualcosa. Trump può ancora potenzialmente diventare presidente, eppure non riceve effettive conseguenze per spargere odio e aggressione attraverso tutto il paese. Gli USA e la loro classe dirigente vendono milioni in armi ai paesi islamici, incitano e nutrono odio ed estremismo, e i musulmani sono i nuovi ebrei.

Sì, ci sono cose di merda nel Corano, ma lo stesso è vero per la Bibbia, la maggior parte della gente non segue alcuna delle due dottrine letteralmente o completamente. Ed è importante ricordare che il Corano fu scritto in un periodo in cui venivano perseguitati e uccisi.

http://news.nationalgeographic.com/…/09/0925_TVkoran.html

Potresti pensare che queste percentuali siano esagerate, ma non lo sono, anche in quanto il 90% delle vittime di ISIS attraverso il mondo sono musulmane. Eppure i bianchi, i cristiani e la società occidentale nel suo insieme fanno come se riguardasse tutto noi. Non so te, ma se leggi il link, sembra in un senso ragionevole che alcuni possano considerare tale estremismo un’autodifesa. Sicuramente è sbagliato, ma è comprensibile in una maniera contorta e bigotta.

L’estremismo religioso è sempre stato un problema, ma NON è nemmeno vicino a che la maggior parte dei musulmani vi prenda parte. Dire diversamente è islamofobia, intolleranza e xenofobia. Guarda ai mormoni e alla merda che la maggior parte di loro fa. Se c’è alcuna religione (ovvero, non solo estremisti) che dovremmo condannare, sono loro.

È anche parte degli obiettivi dell’ISIS spargere islamofobia e xenofobia nel mondo occidentale, e si dichiareranno sempre responsabili per tali atti di terrorismo se possono. Più demonizziamo, odiamo e rigettiamo i musulmani, più sono forzati a o unirsi agli estremisti, o morire per mano loro.

Infine anche se lo sparatore aveva legami con l’ISIS o la loro ideologia. È stato in grado di comprare un fucile d’assalto senza che gli venissero poste domande, eppure ad ogni episodio di sparatoria la maggior parte della classe dirigente rifiuta di irrigidire le leggi sulle armi.

Stardust: a lost alien
Sono contento della tua risposta, e discuterò con te al riguardo, e leggerò anche il link, appena arrivo a casa.

Stardust: a lost alien
Ok, eccomi. Allora:

Stardust: a lost alien
Hai ragione sul fatto che non è mai terrorismo quando sono persone bianche a commettere atrocità. Concordo con te che questo è sbagliato, perché davvero lo è, e considerare il movimento Black Lives Matter come terrorismo è segno del più puro razzismo, come razzismo è che le prigioni americane siano piene di uomini neri accusati di crimini non violenti e Brock che-Chernobyl-se-lo-porti-Turner prenda sei mesi ridotti a tre per lo stupro di una donna, perché lui è il bravo ragazzo bianco.
Ma il punto è, questo non riduce la gravità del massacro di Orlando (non che tu abbia detto che lo faccia), né cancella il fatto che è eccome ancora terrorismo. Riguardo al fatto che in questo specifico caso la religione non vi abbia niente a che fare, non posso dire nulla di preciso ma ne dubito, anche in quanto ho visto questa mattina, su un giornale (uno di sinistra) che il padre di quel pezzo di merda ha detto che non sta ai credenti punire i gay, dio lo fa.

Stardust: a lost alien
Inoltre, concordo con te sul fatto che l’islamofobia stia venendo usata per distogliere l’attenzione della gente dai problemi che toccano i loro paesi e i loro governi: è tutta colpa dei cattivi musulmani, noi siamo perfetti. Molte persone tristemente ci credono davvero: noi non abbiamo problemi col sessismo! Voglio dire, guarda i musulmani! LGBT che si lamentano di discriminazione, sono pazzi! Voglio dire, guarda i musulmani!
Ma non credo che segnalare i problemi che esistono adesso, in questo momento storico, all’interno dell’islam e del modo in cui gran parte dei musulmani lo interpreta sia islamofobia. In effetti, anche se può sembrare contorto, credo che riconoscere (sic! Voleva essere “non riconoscere”) che ci sono enormi problemi riguardo i diritti umani con i musulmani (non tutti!) fa un favore a Trump e compagnia. Usano questa cecità della sinistra come un’arma: sono stupidi, non vedono problemi con l’islam, li scuseranno sempre, quindi noi abbiamo ragione, noi siamo la soluzione. La cosa divertente è: quello che i partiti di estrema destra vorrebbero applicare coincide su molti punti con ciò che i conservatori musulmani vorrebbero applicare (o applicare nei loro paesi). L’ironia della storia, eh?

Stardust: a lost alien
La ragione per cui credo che una buona parte di musulmani abbia problemi coi diritti umani, è l’evidenza, o quella che io considero tale. Non posso non vedere che per esempio nei paesi arabi, dove se non sbaglio la maggioranza delle persone è musulmana, le donne sono obbligate a coprirsi, in Arabia Saudita le donne non possono guidare, essere omosessuale è illegale, non conformarsi al genere magari non è dappertutto illegale ma è certamente molto pericoloso. Gli stupri sono spesso considerati un crimine perpetrato dalla vittima invece che dall’aggressore. Certo, c’è una cultura dello stupro anche in Occidente. Ma direi meno. In alcuni casi, molto meno.
Quindi, mi domando, perché è così? Com’è che abbiamo tali enormi problemi di misoginia, omofobia e transfobia nei paesi arabi, e anche credo in quelli nord africani? Ci deve essere una ragione. Perché le donne devono portare l’hijab là e non nei paesi europei per esempio? Perché in molti paesi europei gli omosessuali si possono sposare e là l’omosessualità è punibile con la morte? Il governo si sta imponendo sull’intera popolazione? La maggioranza della popolazione è liberale? Non credo che ciò sia ragionevole. C’è sicuramente una parte della popolazione che è liberale, e a quelli va tutta la mia ammirazione, perché spesso rischiano così tanto, anche la loro stessa vita, per essere liberi. Ma onestamente credo che se le cose stanno a questo modo in questo momento, è perché la maggioranza della popolazione vi si trova d’accordo.

M.P.
Suo padre l’ha cresciuto insegnandogli a pensare che i gay siano abominazioni o che, quello avrebbe potuto essere dovuto a fanatismo religioso. Ma lo sparatore era un cittadino americano, nato e cresciuto. E non c’è alcuna evidenza che lui fosse un musulmano praticante.

Il mio punto è, e l’articolo che ho linkato lo dice. L’islam è inerentemente una religione pacifica con un messaggio pacifico nel complesso, proprio come il cristianesimo. Tuttavia la natura di un credo rigido insieme al fanatismo è pericolosa e la gente troverà sempre e distorcerà le parole per giustificare le proprie azioni e odio. Quello su cui sono in disaccordo con te, è semplicemente sulla natura dell’islam. Sì, le cose sono un casino nel Medio Oriente, e l’ISIS e altri gruppi terroristici sono una minaccia reale, ma sono più una minaccia ai musulmani nel mondo che alla società occidentale. E è stato il governo degli USA a permettere all’ISIS di prendere così tanto controllo in quell’area. Quando la gente sparge islamofobia e rifiuta i musulmani, forza solo i musulmani a radicalizzarsi, o essere in balia dei bigotti al potere.

Dobbiamo guardare all’intera immagine, il numero degli estremisti islamici è solo cresciuto dal 9/11 a causa dell’islamofobia, e dell’ignoranza e odio da entrambe le parti. A causa della guerra avida e non necessaria in Iraq e costanti attacchi di droni che uccidono milioni in quell’area, come detto per la maggior parte innocenti. Il problema è che ogni organo di stampa immediatamente assuma che era connesso al terrorismo islamico. Senza alcuna prova di questo. Come se non facessero abbastanza per incitare questo tipo di intolleranza omofobica in America loro stessi. Se puoi trovare prove che era un musulmano, specificatamente uno praticante, possiamo parlarne, ma ho solo visto fare supposizioni fino ad ora.

Inoltre ci sono resoconti che lui sia andato in quel night club e abbia bevuto là per tre anni. Ed è ben noto che l’omofobia internalizzata e l’odio per se stessi possono essere potenti motivatori insieme al fanatismo.

Era stato investigato per sospettati legami con l’ISIS apparentemente. Che vuol dire che sicuramente era un problema che lui abbia comprato la sua arma LEGALMENTE, sì quello è vero e di merda e bisogna che venga affrontato.

Ma il problema maggiore e il motivo principale per questo attacco era odio e disgusto per la comunità LGBT. E nessuno può appropriarsi della nostra sofferenza e delle nostre morti per la loro xenofobia e il loro razzismo. Soprattutto non dopo che così tanta società occidentale ha ignorato le nostre battaglie e incoraggiato o tollerato l’odio verso di noi, questo è specialmente vero per persone LGBT di colore. Visto che era la notte latina al Pulse quando questo è successo.

M.P.
Vale la pena di notare che ci sono anche paesi cristiani che praticano diffusamente la mutilazione genitale femminile. La maggior parte dei problemi coi diritti umani sono legati alla società, non direttamente alla religione o al suo credo. Detto questo, proprio come con il cristianesimo, quelle visioni sociali filtrano naturalmente nella religione, ed è difficile per la gente scollegare la misoginia o l’omofobia. Anche se entrambi i libri furono scritti ben più di 1000 anni fa. E se vogliamo riconoscere le violazioni dei diritti umani in altri paesi, DOBBIAMO comunque guardare a noi stessi prima. Il fatto che sia peggio da qualche altra parte non giustifica mai che vada male in America, o in Australia, dove io sono.
Mentre dobbiamo denunciare il fanatismo religioso, è importante avere il coraggio e la saggezza di farlo solo quando è davvero il problema. Sappiamo che la destra probabilmente non lo farà mai, quindi abbiamo bisogno di resistere alla loro chiamata alle armi tanto quanto al loro odio e alla loro xenofobia.

Stardust: a lost alien
Non credo che essere nato in un certo posto sia come un marchio che non puoi scrollare via, non lo è. Ma non posso credere che la gente non sia influenzata dal luogo in cui è nata. Alcuni di loro non lo sono, ma sono una minoranza, tristemente. Gli umani assorbono quello che viene loro insegnato, la maggior parte di loro non questiona nulla, crederanno semplicemente ciò a cui sono abituati. Anche la cultura dello stupro nei paesi occidentali è un esempio di questo. E anche, oso dire, la mafia in Italia. È qualcosa che è appiccicato alle loro abitudini, non lo notano nemmeno. Gli italiani, non tutti loro sono mafiosi, giusto? Certo. Ma. Lavoro nero? Sì… sai, succede. Evadere le tasse? Certo, è tutta colpa del governo se le cose vanno male! Corruzione? Beh, è solo un piccolo favore, per gente che conosco, siamo amici! Infrangere le regole quando questo significa un danno per qualcun altro, come ad esempio prendere tonnellate di cibo gratis a qualche mostra quando c’è scritto che per favore dovreste prendere solo un sacchettino ciascuno? Beh, ma non era un gran danno, questo!
Questa è mafia. Come lo è guardare dall’altra parte, dicendo che non sono affari tuoi, dicendo che parlare apertamente è pericoloso e comunque niente cambia e sai cosa tu sei uno sciocco idealista. Questa è mafia. E credimi, è quasi dappertutto. Questi atteggiamenti sono quasi dappertutto in Italia. Perché non dovrei pensare che sia lo stesso nei paesi arabi?

M.P.
Certo, ma queste cose non sono legate a una religione, una che primariamente diffonde un messaggio di pace e autodifesa. E ci sono femministe e altri gruppi che combattono quelle ingiustizie in tutto il mondo. Quando entriamo noi con guerra e bombe e cerchiamo di “stabilizzare” un’area con la forza, diventa il caos. Se vogliamo farlo correttamente, dovrebbe essere fatto attraverso le UN e organizzazioni come Amnesty International. Anche quando siamo effettivamente coinvolti, dobbiamo ascoltare e imparare dagli oppressi come promuovere giustizia al meglio rispettando allo stesso tempo la loro cultura. Diffondere odio non fa alcun bene.

Stardust: a lost alien
E ritornando su qualcosa che ho menzionato sopra, penso che la sinistra abbia un problema con questo. Perché i musulmani adesso sono discriminati, perché davvero lo sono, e perché in molte delle nazioni da cui provengono c’è la guerra e vengono costantemente bombardati, sono quasi elevati al livello di santi. Ma questo è fallace. Non credo che la maggior parte di loro sia terrorista, ma le loro convinzioni sono estremamente conservatrici per non dire fasciste, e davvero forniscono un suolo fertile per coltivare il terrorismo. Sì, bombardamenti, guerra e colonizzazione dall’Occidente hanno contribuito, magari anche contribuito fortemente, a condurli nello stato in cui sono adesso.
Ma comunque, le tue convinzioni e le tue azioni sono tua responsabilità. Perché allora potremmo scusare anche che-Chernobyl-se-lo-porti-Turner, perché povero ragazzo era ubriaco e solo non sapeva fare di meglio ed è stato educato in questo modo e alla fine i ragazzi saranno ragazzi. No. I ragazzi non saranno ragazzi, e i musulmani non saranno musulmani (non musulmani conservatori intendo), e se lo sono allora guarderò a loro con rabbia e disprezzo, e non comprensione e pena. Dov’è lo spirito critico di tutti? La loro indipendenza di pensiero? La loro empatia? Sono così apatici e stupidi? Ok, ci credo, fantastico, allora dobbiamo far loro il lavaggio del cervello per il rispetto degli altri perché sono una bomba a orologeria, e se non riusciamo a lavar loro il cervello allora dobbiamo metterli in un posto dove non possono fare un casino col mondo intero.

Stardust: a lost alien
Ovviamente fra l’altro non supporto la colonizzazione e i bombardamenti, né supporto il commercio di armi e l’avere relazioni amichevoli con regimi dittatoriali.

Stardust: a lost alien
E infine, e poi credo di aver finito con questo poema, sì nel Corano c’è scritto tutto e il contrario di tutto come nella Bibbia come in ogni libro religioso scritto attraverso i secoli da non so quanti umani diversi, alcuni di loro stronzi allucinati. Quindi sì, l’islam può davvero essere una religione di pace e davvero lo è per parte dei musulmani, ma devono volerlo.

M.P.
Avere la tua gente bombardata e massacrata a milioni non equivale al privilegio e al senso di diritto di un ricco ragazzino bianco. Penso che tu stia assumendo troppo, se sono rifugiati in un altro paese, devono imparare. Ma stai assumendo troppo riguardo a cosa le loro convinzioni potrebbero già essere. Presumibilmente se hanno convinzioni conservatrici così forti, probabilmente si unirebbero all’ISIS o simili, invece che cercare rifugio con la loro famiglia.

Sto semplicemente dicendo che non possiamo prendere l’approccio facile e presupporre, o dare la colpa a una religione intera, o alla maggior parte delle persone che la seguono, per le convinzioni contorte di pochi. Condanno assolutamente qualsiasi violazione dei diritti umani e non esiterò a farlo a prescindere da chi è il responsabile. Ma non reagirò all’odio cieco e alla violenza con lo stesso. E il privilegio di così tanti di destra, è il non essere in grado di vedere gli effetti caotici della guerra in Iraq e delle bombe dei droni nel medio-oriente. Possiamo imparare dal nucleo dell’islam, e promuovere compassione per i rifugiati, che sono le vere vittime dell’ISIS e di tali terroristi, e allo stesso tempo focalizzarci su protezione e autodifesa.

M.P.
In ogni caso, sono lieto di avere questa discussione con te. E che tu hai voglia di dedicarti in questo. Anche se non cambi idea, so che ti importa profondamente delle ingiustizie tanto quanto me e di ringrazio per tutto ciò.

A.L.
Per favore non parlare per i paesi arabi.

A.L.
Sei ignorante e razzista. La tua comprensione va da zero a nulla. Il fatto che qualcuno si sia preso il tempo e l’energia per cercare di spiegarti perché il tuo post è problematico (più tipo vile) e tuttavia tu continui a vomitare le tue sciocchezze ignoranti su internet, è solo un’indicazione della tua ignoranza.

M.P.
Scusa se ho detto qualcosa di sbagliato A., sono consapevole del mio privilegio in questo e non intendo parlar per nessuno.

Stardust: a lost alien
Oh scusa, non ho visto nessuno dei tuoi post mentre stavo scrivendo. Dammi un secondo e li leggo.

Stardust: a lost alien
Riguardo alla cosa che riguarda di più la società in generale che la religione, sono in accordo/disaccordo con ciò. Voglio dire, la società e la religione sono spesso intrecciate. Sicuramente ci sono anche comunità cristiane che praticano la mutilazione genitale femminile, ma non ho alcuna intenzione di fare di questo una guerra fra cristianesimo e islam. Entrambi possono essere buoni e cattivi, il cristianesimo ha avuto le crociate e ha bruciato “streghe” per secoli. Il fatto con il cristianesimo è che nella maggior parte dei paesi ha perso la sua presa sulla popolazione, e se ancora la tiene è in un modo molto più lieve di quanto era nel passato. Beh, a parte Trump. E la Polonia. E altri posti. Ma quello che intendo è che non è così pervasiva come lo è l’islam nei paesi arabi adesso. La religione per me è più una cosa personale, un modo per esplorare e nutrire la tua spiritualità, non un credo che devi diffondere, imporre sugli altri o che dovrebbe influenzare il modo in cui guardi a loro.

Stardust: a lost alien
Penso che A. stesse parlando a me xD

M.P.
La gente ha avuto le crociate, il cristianesimo e l’islam sono credo e strutture ideologiche. Sono prevalentemente pacifici, mentre allo stesso tempo sono comunque un prodotto del loro tempo. Il problema più grande con le religioni organizzate, è che rende le persone più resistenti al cambiamento sociale. Ma questo non è inerente alla religione e sicuramente non la richiede.

M.P.
Forse era solo per te, ma non posso dichiarare di essere un’autorità.

Stardust: a lost alien
Inoltre, non supporto in alcun modo la destra. Non vengo preso dalla loro retorica, e li considero estremamente pericolosi, soprattutto adesso che sembra esserci una nuova ascesa di ideologie fasciste/neo-naziste. Ma credo che la sinistra stia facendo loro un favore continuando ad affermare che col Medio Oriente e il Nord Africa non c’è assolutamente nessun tipo di problema, a parte guerre. Evitano di considerare i possibili problemi culturali, che invece io ritengo esistenti e pericolosi allo stesso modo. In ogni caso, preferisco sicuramente il tuo modo di vedere le cose che il modo della destra. Ho avuto questo tipo di discussione molte volte con una persona cara, e considero ancora quella persona eccellente e sicuramente molto migliore di qualche coglione fascista.

Stardust: a lost alien
Riguardo a rispettare la loro cultura, in realtà non sono d’accordo. Non mi piace il relativismo culturale, ad essere onesto semplicemente non mi piacciono le culture in generale quando andiamo oltre vestiti eccentrici, cibo strano, forme degli edifici, lingua, mitologia e dei vari, festività e tutto questo genere di roba simpatica. Quando si tratta di calpestare i diritti umani, allora non mi importa se è la loro cultura o no.

M.P.
Non ho conosciuto o sentito nessuno di sinistra ignorare le violazioni dei diritti umani in quelle aree, certamente non in maniera assoluta. Quello è usualmente il modo in cui ci vedono i bigotti se proprio. Non è mai bene vedere le cose in maniera assoluta. Questo è il perché l’intersezionalità è così importante.

M.P.
Se la cultura non viola i diritti di altri, è affare loro. Non nostro. E anche se lo fa, è naif e arrogante assumere che dobbiamo salvarli, come se non ci fossero persone là che lo combattono e lo vivono tutti i giorni.

Stardust: a lost alien
Hai assolutamente ragione sul non assumere che dobbiamo salvarli, anche perché questa era la scusa usuale per gli USA per praticamente invadere quei paesi. Ma onestamente, credo ancora che siano affari nostri. Sento che è affar mio, e non solo a riguardo di quei paesi, anche a riguardo degli stessi USA, altre nazioni europee, Russia, Cina, qualsiasi cosa. Non sento di essere arrogante se dico che la Cina ha un enorme problema di democrazia, che è merda che internet sia censurato e se parlo dell’esistenza dei laogai, campi di concentramento.

M.P.
Certo, ma dobbiamo guardare in faccia il fatto che non possiamo fare molto al riguardo. Qualsiasi cosa potremmo fare, è probabile che renderebbe le cose peggiori. Sicuramente se usiamo la forza. Come ho detto, dovrebbe passare attraverso le UN o organizzazioni internazionali per i diritti umani.

Stardust: a lost alien
Condividerò due post di due persone di origine araba, che differentemente da me hanno il dono della sintesi. So che ci fu un numero piuttosto consistente di ebrei che presero le parti di Hitler, e loro rifiutano la loro “cultura” quindi quello che scrivono potrebbe essere fazioso, ma penso che sia interessante (mi piacciono abbastanza tutti e due in effetti).

M.P.
Nessuna cultura è libera da questi problemi, ed è più importante focalizzarsi sui problemi intorno a noi e nella nostra stessa cultura. La xenofobia è una forma di manipolazione da quelli al potere per concentrarsi su nemici stranieri invece che su quelli intorno a noi. Proprio come il razzismo e simili sono usati per dividere la gente così che non possano unirsi e resistere alla classe dirigente e all’1%.

Questa è l’ultima cosa che aggiungerò a questo, di nuovo, grazie per considerare tutte le cose che ho detto.

Stardust: a lost alien
E dopo dovrò lasciare questa conversazione per un po’ di tempo ma tu sei libero di continuare a scrivere se lo desideri.

A.L.
Sono di origini arabe… adesso chiudi quella cazzo di bocca per favore.

Stardust: a lost alien
A., non ho niente contro di te per essere di origini arabe, né ho niente contro nessuno per essere musulmano. Se tu sei liberale e una sostenitrice dei diritti umani, allora hai tutto il mio supporto.
M.P., voglio chiederti se posso pubblicare questa conversazione sul mio blog. Niente nomi, ma metterei un link a questo post. E adesso penso che questa sia l’ultima cosa che anch’io scriverò su questo thread.

M.P.
Non mi dispiace. Solo aggiungerò questo.

Matthew_picture

Advertisements

One thought on “Una conversazione sull’islam e sul ruolo della cultura nella formazione di sessismo e omofobia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s